Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

EMERGENZA CORONAVIRUS, GRAZIE AGLI SCOUT SPESA A DOMICILIO PER CHI HA BISOGNO

EMERGENZA CORONAVIRUS, GRAZIE AGLI SCOUT SPESA A DOMICILIO PER CHI HA BISOGNO

Iniziativa del Comune e del gruppo CNGEI. Alimenti e farmaci consegnati direttamente a casa In accordo con il Comune di Nardò, il gruppo scout CNGEI di Nardò farà partire domani, mercoledì 11 marzo, un servizio di consegna domiciliare della spesa per generi di prima necessità (alimentari, farmaci, ecc.) soprattutto per i cittadini che hanno più di 65 anni, ma anche per tutti coloro che per qualsiasi motivo non possono o non vogliono allontanarsi da casa. Il servizio è completamente gratuito e potrà essere richiesto chiamando il numero di telefono 351 6626751 dalle ore 8:30 alle 13 e dalle ore 14 alle 17. L’operatore richiederà solo nome, cognome e indirizzo, prenderà nota della richiesta per poi trasferirla a un capo scout. A casa dei richiedenti si presenterà un volontario attrezzato con il materiale identificativo, prenderà in carico la lista della spesa e il denaro necessario. Effettuata la spesa, il volontario la consegnerà a casa con lo scontrino e l’eventuale resto del denaro. Si procederà ovviamente rispettando le prescrizioni del DPCM sull’emergenza. Tutti coloro, anche non scout, che volessero contribuire all’iniziativa impegnandosi personalmente, possono contattare il gruppo scout. Ciò al fine di rispondere nel modo più efficace possibile alla domanda che l’attivazione del servizio potrebbe generare. “È un servizio che possiamo avviare grazie al gruppo scout CNGEI di Nardò - sottolinea l’assessore ai Servizi Sociali Maria Grazia Sodero - che conosciamo bene e di cui apprezziamo il costante spirito di servizio per la nostra comunità. Si tratta di una iniziativa utile e sono certa che in molti chiederanno di poterne usufruire. È la dimostrazione, peraltro, di un’azione corale che l’emergenza in atto ci richiede, con sforzi a livello pubblico e privato. So che altri soggetti e associazioni si stanno muovendo nella direzione della solidarietà, della collaborazione e dell’aiuto reciproco. Apprezziamo tutto questo e lo consideriamo un ausilio importante per quello che l’ente sta facendo in questi giorni”. Il CNGEI (Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiano) è un movimento scout laico fondato da Carlo Colombo nel 1912 e oggi conta 13 mila soci. Dal 1916 è riconosciuto ente morale sotto l’alto patronato del Capo dello Stato e dei ministeri della Pubblica Istruzione, degli Affari Esteri, dell’Interno e della Difesa. L’associazione, insieme ad AGESCI, è membro della FIS (federazione italiana scoutismo) e quindi, tramite questa, dell’organizzazione mondiale del movimento scout (WOSM) e dell’associazione mondiale guide ed esploratrici (WAGGGS). Ufficio stampa