Questo sito utilizza i cookie che consentono di erogare servizi agli utenti. Continuando la navigazione si acconsente all'uso dei cookie.

A- A A+

Valuta il servizio: faccinasiPositivo     faccinasoSufficiente     faccinanooNegativo

ILLUMINAZIONE VOTIVA, NUOVO ROUND GIUDIZIARIO A FAVORE DEL COMUNE

COMUNICATO STAMPA Venerdì 22 giugno 2018

ILLUMINAZIONE VOTIVA, NUOVO ROUND GIUDIZIARIO A FAVORE DEL COMUNE

Il CdS respinge l’istanza cautelare della ditta Borgia. Il servizio resta al nuovo concessionario

Il lungo braccio di ferro tra l’amministrazione comunale e la ditta privata Borgia, che ha gestito per decenni il servizio di illuminazione votiva nel cimitero, segna una nuova svolta in favore del Comune. Ieri mattina la Sezione V del Consiglio di Stato ha respinto l’istanza cautelare avanzata da Borgia contro la sentenza con cui il Tar di Lecce aveva stabilito che la risoluzione del contratto con la ditta, decisa nell’estate 2017 dalla giunta retta dal sindaco Pippi Mellone e dal dirigente al ramo, era legittima e giustificata, respingendo il ricorso e i motivi aggiunti presentati per l’annullamento degli atti amministrativi con cui il Comune aveva deciso di risolvere il contratto per la gestione del servizio di illuminazione votiva.

La ditta Borgia, com’è noto, gestisce il servizio di illuminazione votiva del cimitero di Nardò da decenni. Nel luglio 2017 il dirigente Cosimo Pellegrino e il sindaco Mellone, coadiuvati da un consulente tecnico esterno, avendo rilevato una serie di inadempimenti della ditta (si contestavano in particolare gravi carenze di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto di illuminazione votiva) la diffidavano a porvi rimedio. Un provvedimento che la ditta privata riteneva ingiustificato tanto da impugnarlo dinnanzi al Tar Lecce, chiedendo di sospenderlo inaudita altera parte. Ma già in quell’occasione il Tar, accogliendo le tesi difensive del legale incaricato del Comune, l’avvocato Paolo Gaballo, respingeva l’istanza cautelare d’urgenza avanzata dalla ditta. Il contenzioso andava avanti in quanto l’amministrazione comunale, ravvisando che la ditta non aveva poi provveduto ad eliminare le carenze e gli inadempimenti già contestati in precedenza, decideva, con delibera di giunta e determina dirigenziale, di dare corso alla risoluzione del contratto con la ditta. Anche su questa nuova decisione la ditta Borgia chiedeva l’intervento dei giudici amministrativi. Il Tar respingeva, per la seconda volta, la nuova istanza di misure cautelari monocratiche avanzata dalla ditta. Nel mese di settembre 2017, poi, il Tar decideva di nominare un “verificatore”, ovvero un tecnico di sua fiducia con il compito di accertare se gli inadempimenti contestati dal Comune fossero reali o meno. A seguito della “verificazione”, il Tar, nell’ottobre 2017, con apposita ordinanza, respingeva anche l’istanza cautelare avanzata dalla ditta, ritenendo che il Comune avesse legittimamente operato “alla luce delle risultanze della verificazione” disposta dallo stesso Tar. Lo scorso aprile il Tar, Sezione II, pubblicava la sentenza di merito, “bocciando” il ricorso e i motivi aggiunti della ditta Borgia dopo aver accertato gli inadempimenti della stessa “così come contestati dal Comune”. La ditta Borgia veniva anche condannata al pagamento delle spese legali del giudizio.

Di seguito il Comune dava esecuzione alla sentenza, prendendo in consegna l’impianto e affidandone la gestione alla società Ariete s.r.l., che eseguiva i lavori di manutenzione, non effettuati dal precedente concessionario, al fine di rendere l’impianto funzionante, efficiente e dotato delle necessarie garanzie di sicurezza. La ditta Borgia appellava la sentenza del Tar, chiedendone una sospensione inaudita altera parte, che però non veniva concessa dal Consiglio di Stato. Nella giornata di ieri, la V sezione del Consiglio di Stato (presidente Carlo Saltelli, relatore Federico Di Matteo), accogliendo le tesi difensive del legale del Comune, Paolo Gaballo, ha respinto anche l’istanza cautelare collegiale avanzata dalla ditta Borgia, non ritenendo sussistenti le esigenze cautelari prospettate dalla stessa, in ragione del fatto che il Comune ha già preso in consegna l’impianto e i locali oggetto di concessione e che il servizio è attualmente svolto dalla società Ariete, onde è opportuno, fino alla decisione di merito, evitare l’interruzione del servizio pubblico. Con seguente dispositivo di sentenza il Consiglio di Stato ha fissato l’udienza di merito a gennaio 2019 disponendo incombenti istruttori che saranno successivamente resi noti.

Il servizio di illuminazione votiva, pertanto, resta affidato al nuovo concessionario individuato dal Comune a seguito della risoluzione contrattuale con la ditta Borgia.

                                                                                                    Ufficio stampa